History

1945-1975 Gli inizi assoluti (il tessile, le fil rouge)

Albini e Pitigliani Il 2 Agosto 1945 il Sig. Albo Albini e il Sig. Alessandro Pitigliani, vecchi amici e colleghi in un’azienda di trasporti con sede a Prato, in Italia, affittarono un camion e cominciarono quello che poi avrebbe portato ad un’azienda globale nel settore delle spedizioni e del trasporto merci

La città di Prato, in Toscana, stava diventando a quei tempi un agglomerato per l’industria tessile nell’Europa Centrale; un processo rivoluzionario nella trasformazione del prodotto ha portato questa piccola città a una crescita esponenziale nel numero di produttori e fabbriche industriali.

I due amici cominciarono a servire l’industria e inizialmente si concentrarono sul commercio verso il Sud Italia con linee per la Puglia e la Campania, consegnando il prodotto semilavorato ai produttori di abbigliamento e importando le materie prime dai porti del sud verso Prato.

La riuscita delle operazioni e dell’approccio personale dei due giovani uomini portò a un immediato successo che negli anni ’60 si tradusse in un’improvvisa espansione del traffico al di là dei confini nazionali verso il Nord Europa.

Il continente europeo era appena uscito dalla terribile guerra, devastato e affamato di ripresa; Germania, Francia, Spagna e Regno Unito erano tutti percorsi ambiti dai venditori dell’industria tessile e l’azienda Albini & Pitigliani cominciò a farsi un nome come supporto perfetto per questi traffici.

La prima rete di uffici fu sviluppata in Italia, con sede a Prato e filiali a Firenze, Livorno e Milano. Lo spirito dei due uomini, basato sul duro lavoro, su una forte etica e su un approccio lean, trasformò l’atteggiamento dello staff in un vero e proprio senso di squadra, dove tutti erano coinvolti nel successo economico dell’azienda. Così, quando nel 1966 il fiume Arno a Firenze straripò e i magazzini furono sommersi dal fango, tutti i dipendenti, gli operai e gli impiegati insieme ai proprietari dell’azienda, si resero disponibili per ripulirli. Questo stesso senso di appartenenza è stato alimentato e incoraggiato nel corso degli anni.

Arno Le strade erano ancora poco sviluppate dopo la guerra; a quel tempo il mezzo di trasporto più usato per le merci erano le rotaie, che però non consentivano quella flessibilità nei tempi di transito di cui gli esportatori italiani avrebbero avuto bisogno.

Ecco che nei primi anni ’70 Albini & Pitigliani inaugura il primo servizio diretto per il Trasporto Via Terra di merci da Prato a Monaco, in Germania. Questo diede inizio ad una nuova industria, l’industria dei trasporti e della logistica che accompagnò lo sviluppo economico del paese.

Magazzini Gli anni ’70 furono anni di deregolamentazione e di espansione globale. L’economia italiana si rafforzò con l’export.

Albini & Pitigliani approfittò di questo contesto economico seguendo l’aumento degli ordini tessili e sviluppò un forte network di agenzie per le operazioni Via Aerea e Via Mare verso i maggiori mercati, Stati Uniti e Nord America.